13 Giugno 2021

Il punto di vista delle compagnie


Durante il convegno del 14-15 Ottobre 2011 sulla proposta di creare una nuova piattaforma per la danza italiana, le compagnie di danza, rappresentate da Aidap – Federdanza, dicono la loro: l’importanza di avere criteri di oggettività nella selezione e nell’accesso per le compagnie, una sostenibilità futura della piattaforma, agevolazioni per le tournée estere e l’abbattimento delle barriere di genere, sono gli aspetti chiave che la presidente Salvatori e le vice-presidenti Marini e Blasi sottolineano nei loro interventi.

Sergio Escobar: per un nuovo patto tra il pubblico e i teatri

 

Giornate Professionali della Danza.
Il direttore di Platea e del Piccolo Teatro propone di creare un nuovo patto tra pubblico, teatri e ministero, in cui il pubblico sia al centro e non ci sia più il sistema delle “quote”, e le decisioni siano prese all’insegna dell’interdisciplinarietà.

Liberi di creare

Con Walter Dundervill, Artist in Residence del Movement Research, parliamo di questo programma che per due anni permette a un artista di essere seguito e sostenuto da un’equipe di professionisti, lasciando al contempo grande libertà creativa all’artista.

Leggi la trascrizione e traduzione dell’intervista, cliccando qui.

Il sito del programma AIR del Movement Research, cliccando qui.

Wam! Compagnie si uniscono.

Con Paola Ponti, della Compagnia Iris di Faenza, parliamo del loro progetto di Festival WAM, che ha coinvolto come organizzatori tre compagnie faentine (Iris, InOcula e Menoventi) e ha intessuto relazioni con molte altre realtà culturali della città, nell’ottica della sostenibilità e dell’unione. Un esempio virtuoso di rete, e una testimonianza dell’utilità che, per una compagnia di produzione, può avere vestire i panni di organizzatore.

Pagina FB di Wam

Sito di Iris