27 Maggio 2019

La Danza in 1 Minuto

Il video girato da Paola Ponti a Berlino “What Space Does Not Remember”, una produzione di Perypezye Urbane, è stato selezionato per il concorso La Danza in 1 Minuto 2015!

Se ti piace, puoi votarlo a questo link cliccando sul video (è il numero 10) e inserendo la tua e-mail. Il tuo voto può essere determinante!
Condividi la tua preferenza sui tuoi profili social e spargi la voce tra i tuoi amici!

The video filmed by Paola Ponti in Berlin “What Space Does Not Remember”, produced by Perypezye Urbane, has been selected for the contest La Danza in 1 Minuto 2015!

If you like it, you can vote here by clicking on the video (numero 10 in the list) and writing your e-mail in the form. Your vote may be decisive!
Share your preference on your social profiles and spread the word among your friends !

Paola Ponti presents RootsMe/Radici at Valletta2018 Cultural Mapping Conference

Paola Ponti has represented Perypezye Urbane during the conference “Cultural Mapping: Debating Spaces and Places” organized by the Valletta 2018 Foundation, in which she presented our project “RootsMe/Radici“. Her speech was titled “RootsMe/Radici – Mapping routes: a possible approach to cultural mapping through an artistic process”

RootsMe/Radici, born as a project exploring the topic of how the environment affects the body, revealed itself as a possible tool for cultural mapping. Paola spent one month in Malta and one month in Gozo with arborist Stefano Tedioli, moving around only on foot or by bicycle in order not to have an impact on the environment and to get closer to people. Their research did not have a scientific or anthropological purpose, but was born out of a desire to encounter people. Adopting a nomadic approach, they observed the relationships between people’s body shape and nature, food and houses, hands and crafts, feet and paths. As a performer, Paola used her body as a bridge to re-elaborate all the encounters and express through movements what she had experienced.

Paola Ponti in rappresentanza di Perypezye Urbane ha partecipato alla conferenza organizzata dalla Valletta 2018 Foundation, presentando il progetto RootsMe/Radici come possibile approccio artistico al “cultural mapping”. Questo è il suo intervento: buona visione!

 

Radici: #DividedLand

Micro porzioni di terra, segmenti di appartenenza, spazio mosaico.
Terra dura per il corpo, non accoglie una interazione fluida.
Il corpo deve proteggersi nell’incontro, sostenersi maggiormente dalla trazione della gravità, la morbidezza viene ferita e scorticata. Ogni tassello di mosaico è di una ricchezza tale che concede la presenza del corpo e del movimento solo se necessario.

Paola Ponti (Compagnia Iris) e Stefano Tedioli ci regalano nuovi frammenti di Gozo all’interno del format RADICI realizzato grazie a ShareCulture Creative Mobility. Buona visione!

Radici: #WhiteCooking #GozitanCooking #ProvidenceCooking

La cucina del bianco, di farina, di acqua, di latte, di formaggio. Di pance di pasta ripiene e pomodori maturati al sole. “Perché la provvidenza aiuta sempre, arriva sempre” (cit.).

Ecco un altro affascinante aspetto di Gozo svelato da Paola Ponti (Compagnia Iris) e Stefano Tedioli all’interno del loro format RADICI realizzato grazie a ShareCulture Creative Mobility. Non viene voglia anche a voi di esplorare le isole maltesi? Buona visione intanto!