14 Dicembre 2019

…e la danza?

La danza, e in particolare la danza contemporanea, è nel settore dello spettacolo dal vivo quella in maggiore difficoltà, nonostante i dati dimostrino che sia molto seguita dal pubblico. Cosa fare per stimolarla a crescere e a affermarsi anche nella nostra città? Intanto sostenere le richieste del coordinamento della danza contemporanea lombardo (c-dap), in secondo luogo sostenere la formazione di quella che ho voluto chiamare “Camera delle Culture”, e in terzo luogo proporre una “quota danza ” nel sistema dei teatri convenzionati: una quota che garantisca un certo numero di serate programmate con lavori di danza contemporanea. Cosa ne pensate?

Più uniti nella danza! Alle Buone Pratiche 2011

Gigi Cristoforetti (TorinoDanza) e Natalia Casorati (Mosaico Danza – Festival Interplay) alle Buone Pratiche del Teatro 2011 ci parlano della necessità di stabilire relazioni tra i vari settori della cultura e dell’importanza di un vero sostegno ai giovani autori.

Rev, senza fiducia si muore.

Silvia Gribaudi presenta il coordinamento Rev, che riunisce tante realtà della danza veneta.

Di registro in registro

Pier Giacomo Cirella ci racconta della nascita del Registro della Danza Contemporanea e di come è stato adattato al contesto locale.