24 ottobre 2017

Campi di Produzione – il format

‘Campi di produzione’ è un format che, attraverso alcune interviste a coreografi di differenti età, diffusione e luoghi geografici di appartenenza, fa emergere alcuni aspetti che concorrono a formare quell’oggetto temporaneo che chiamiamo spettacolo, performance, installazione, eccetera.

Normalmente abbiamo modo di assistere o partecipare solo a quell’oggetto temporaneo, senza avere l’occasione di soffermarsi sulle pratiche sottintese.

Dando per scontato che il contesto di creazione, la scelta della modalità di produzione e di diffusione della coreografia, i tempi di produzione, i luoghi, la mobilità o non mobilità, le politiche locali, i rapporti con gli operatori del settore e molti altri aspetti economico-politico-sociali facciano parte dei processi artistici; e che il processo di lavoro sia una parte costitutiva del prodotto (cit. AA.VV. dagli anni ’60 ad oggi) la mia domanda di partenza è: ‘Come produci?’

Questo tipo di analisi non vuole sminuire il portato ‘artistico’ dei lavori coreografici ma vuole sicuramente contribuire a demistificare una serie di assunti ambiguamente radicati all’interno dello stesso settore: per esempio che l’arte costituisca un’eccezione assoluta, frutto di illuminazioni quasi religiose, e un lavoro-non lavoro indipendente dai suoi contesti di manifestazione e di produzione.

Quello che mi interessa è sviscerare dal punto di vista creativo attraverso quali fasi diversi coreografi producono dei lavori, le differenti tempistiche, la maniera di relazionarsi al settore, il tipo di poetica che diverse personalità portano nel proprio rapporto con l”esterno’, in articolazione con le pratiche artistiche.

La dimensione dell’intervista sfuma verso una poetica dell’incontro.

Ho scelto degli artisti che ho conosciuto personalmente e che mi hanno colpita e  contaminata; per cinque minuti, per qualche giorno o per anni – non misurando l’intensità con la durata.

Il progetto è artistico e le interviste hanno una dimensione che ho nominato ‘complicità provvisoria’.

Luna Paese

Speak Your Mind

*