16 aprile 2014

Critica in MOVimento 2013 – il vincitore

 

Il vincitore di Critica in MOVimento 2013 è Gianluca Gori, che ha recensito il film “La Grande Bellezza”. Di seguito alcuni giudizi critici sul video:

- Incipit troppo lungo (2 minuti e mezzo senza parlato sono un po’ troppi), però l’idea dell’incontro di pugilato e l’uso di due voci che si alternano-combattono è originale. Lo spettatore può valutare in maniera divertente i pro e i contro. Il boxeur-femmina sembra più convincente e sciolto del boxeur-maschio.  Creativa. Videorecensione riuscita. Luigi Mascheroni

- Pro e contro il film di sorrentino, incontro di boxe; abbastanza informativo; ben confezionato, anche se prima di entrare nel vivo c’è un lunghissimo antefatto e un minuto di titoli di coda; potrebbe essere un’idea possibile di format (non originalissima: vedi “Pugilato letterario” o la rubrica di Porro). E non si può usare sempre la boxe, bisogna cambiare sport! Oliviero Ponte di Pino

- Un video-box che usa la boxe come metafora della critica. Possibile idea da sviluppare in futuro. Un format adeguato al linguaggio del video, un uomo e una donna quasi-litigano per difendere la loro opinione sul film visto (succede spesso usciti dal cinema e da teatro, no?). La recensione unisce a un’approfondita motivazione critica scelte estetiche innovative, creando l’effetto di una performance in video. Forte. Perypezye Urbane

 

 

Menzioni speciali della giuria a:

- Questione di Tempo – di Alessio Tommasoli. “Lui e lei che discutono, lui che deve scrivere la recensione, lei che se ne va, eccetera; sì, anche se lei è pretenziosa e generica (e recita un po’ troppo), e quel che dice potrebbe valere su qualunque opera (e poi bisogna vedere come se la cava al quarto o quinto film il suo personaggio); una discussione tra cinéphiles dilettanti ben confezionata; l’unico (forse) format che mi abbia incuriosito. Si parte dalla quotidianità, con lui e lei che se la menano, lui che vuol fare il critico (con qualche annotazione metacritica), lei petulate e lui diligente… Se avessero un pizzico in più di (auto)ironia…” – Oliviero Ponte di Pino

- Trasparenze, festival e residenze teatrali – di Davide Resio. “Attraverso le interviste agli spettatori di diverse età, le parole dei registi e degli attori, la video-recensione riesce a restituire la vivacità del teatro di strada e l’eterogeneità del suo pubblico. Gli spezzoni tratti dai due spettacoli si integrano perfettamente con il resto del video senza essere didascalici” – Massimiliano Coviello

- La voce graffiante del mare – di Sara Bonci. “Un approccio originale e personale, un interessante formato video, un buon testo che far venir voglia di vedere lo spettacolo. Ottima la scelta del soggetto, l’inserimento delle musiche e dell’estratto dello spettacolo”. – Simone Pacini

- La grande bellezza – di Tommaso Tronconi. “Diretta e semplice nel contenuto, questa recensione riesce, a differenza delle altre, a tenere saldamente al centro del discorso l’oggetto analizzato, riuscendo a “bloccare” sullo sfondo le velleità autoriali del recensore. Gli strumenti audiovisivi coadiuvano brillantemente il testo nel tentativo – riuscito – di far respirare al destinatario una parte delle suggestive atmosfere del film di Paolo Sorrentino.” – Simone Spoladori

 

 

I 10 video finalisti di Critica in MOVimento 2013

Pubblichiamo i 10 video finalisti della seconda edizione del Premio Critica In MOVimento, promosso da Perypezye Urbane e finanziato da Fondazione Cariplo. I video sono in ordine alfabetico. Da adesso la parola passa alla giuria critica, che decreterà il vincitore o la vincitrice. Questo si aggiudicherà il premio finale da 1000 €.

Per restare aggiornati sugli esiti del premio continuate a seguirci su facebook e twitter.

Video 1 – Elisa Bartalini recensisce O Gebo e a Sombra di Manuel De Oliveira

[Read more...]

#MiGenerationCamp: inizia a Milano il Forum delle Politiche Giovanili

Venerdì 27 settembre l’appuntamento è alla Fabbrica del Vapore, in via Procaccini 4 a Milano. Questa è la data di inizio di Mi Generation Camp, il Forum delle Politiche Giovanili organizzato dal Comune di Milano. Mi Generation Camp è: “una tre giorni per creare un dialogo tra i giovani che vivono, studiano, lavorano a Milano, le istituzioni e le realtà del territorio che si occupano di politiche giovanili. Saranno quattro le tematiche centrali che affronteremo: il lavoro, la cittadinanza studentesca, l’abitare e l’aggregazione. Quattro anche i tavoli di discussione, ciascuno dedicato ad un tema specifico, aperti a tutti quelli che vogliono partecipare, e con la presenza di attori fondamentali e del Comune di Milano.”

Il programma completo di Mi Generation Camp

Studio28 Tv ha realizzato questa video intervista ad Alessandro Capelli, delegato alle Politiche Giovanili del comune di Milano e contribuirà al livetweet dell’evento e sarà presente a molti degli appuntamenti del Forum con le sue telecamere.

Condividi Mi Generation Camp dalla tua prospettiva: accompagna parole, immagini e suoni con l’hashtag ufficiale #MiGenerationCamp, aiutaci a raccontare questo importante appuntamento.


D’Annunzio… chi era costui?

150 anni fa nasceva Gabriele D’Annunzio. Ma chi era questo eccentrico protagonista della cultura italiana del primo novecento?

Il videomaker Nicola Giaime Grandi ripercorre creativamente le manìe del Vate. Enjoy!