15 dicembre 2017

Davide Di Pretoro racconta Sasha Waltz

Sasha Waltz, la danza, Berlino…e l’Italia: un ciclo perfetto! Il nostro primo incontro con la celebrata artista tedesca, autrice di un aggiornato e complesso teatro di danza, è avvenuto attraverso la voce di Davide Di Pretoro, danzatore italiano e repetitor per la compagnia di Sasha Waltz che, ripercorrendo la genesi di “Kreatur”, la nuova produzione della compagnia, ci racconta la poetica innovativa della coreografa, regina della danza nella capitale tedesca.

Ascoltare la testimonianza artistica di Davide è stato come un viaggio tra le maglie del disegno coreografico e drammaturgico di Sasha Waltz, che mai come questa volta si arricchisce di importanti collaborazioni come la visionaria fashion designer olandese Iris Van Herpen le cui creazioni sono state indossate da star come Björk, Tilda Swinton, Scarlett Johannson, Beyoncé e Lady Gaga. E infine i Soundwalk Collective, impostosi nella scena musicale anche attraverso recenti collaborazioni con Patti Smith.

Foto di Sasha Waltz ©André Rival

DanceMe: the game we are playing

DanceMe means DanceWe: everyone can post creative comments on www.danceme.org to help shape a live performance.
Sharing your suggestions will make the result extraordinary because we are smarter than me!

www.danceme.org

Have you seen the latest video contribution shared by artist Maruska Ronchi? Get inspired and go post your comments.

different spaces, and different times, different dimensions

fountains, waves, rivers, wholes, refuge, streams, shapes, vulcans, whisper of water, heartbeat, rain, breathing…
…the game we are playing is life

 

DanceMe: I am into it…you?

Everybody on www.danceme.org!
You just need to login to be part of the creative process shared by artist Maruska Ronchi.
Your comments will help shape a live performance. Don’t miss this chance!

#DanceMe #ShareCulture

Capitali Europee della Cultura: quale economia, quale modello?

“Una giornata in diretto collegamento con RavelloLab. Il modello delle capitali europee della cultura dovrebbe diventare da straordinario a ordinario” dice Claudio Bocci, direttore di Federculture, in chiusura dell’evento di Salerno. “Inoltre siamo in un periodo in cui l’Europa è considerata matrigna, invece il modello delle capitali europee della cultura ci riavvicina all’Europa”.

Il 10 dicembre 2013 si è svolta all’Università degli Studi di Salerno la conferenza europea “The European Dimension of Cultural Capitals”. Per la prima volta si sono incontrate le sei città italiane rimaste in gara per essere Capitale Europea della Cultura nel 2019. [Read more…]