23 marzo 2017

DanceMe performance – Paola Ponti

Al termine della residenza virtuale sull’app DanceMe di Perypezye Urbane, la danzatrice e coreografa di Faenza Paola Ponti ha presentato nella sua città il 2 dicembre 2016 la performance sviluppata con il contributo degli utenti dell’applicazione.
Ora è possibile partecipare con una video-critica della performance al contest Critica in MOVimento, che mette in palio 500 euro!

Concluding her online residency on the DanceMe app created by Perypezye Urbane, dancer and choreographer Paola Ponti showcased in Faenza (Italy) on 2 December 2016 the performance developed with creative contributions from the app’s users.
Now you can take part in the Critica in MOVimento contest, awarding 500 euros for the best video-critique of the performance!

Photo: Mélina Aldrovandi

DanceMe performance by Paola Ponti – live streaming

Paola Ponti e Perypezye Urbane
Vi invitano alla visione via streaming di
DanceMe
parte finale – la Performance
venerdì 2 dicembre 2016 ore 19.00
Faenza – Piazza del Popolo

Al termine della residenza virtuale attualmente in corso sull’app DanceMe, la danzatrice e coreografa di Faenza Paola Ponti presenta nella sua città la performance sviluppata con il contributo degli utenti dell’applicazione.  La performance sarà trasmessa in live streaming sulla pagina Facebook di Perypezye Urbane.

Dopo aver seguito la diretta, tutti gli utenti dell’app DanceMe potranno partecipare al contest Critica in MOVimento, che mette in palio 500 euro per la migliore video-critica della performance.

 

The performance currently being developed by Paola Ponti within her online residency on the DanceMe app will be live-streamed on the Facebook page Perypezye Urbane.. You are invited to watch.

After the livestream, DanceMe app users can take part in the ‘Critica in MOVimento’ contest, awarding 500 euros for the best video-critique of the performance.

Intervista a Roberto Zappalà

Abbiamo incontrato Roberto Zappalà a margine del 30simo MilanOltre festival, che ha dedicato un focus alla Compagnia Zappalà Danza.
Per il coreografo siciliano, che da 25 anni diffonde nelle platee di tutto il mondo una sapiente esperienza artistica, la danza contemporanea è «una delle espressioni creative più filosofiche: lavora su stati emozionali e quindi lascia ampio spazio al pubblico per le sue interpretazioni». Con piacere abbiamo approfittato dell’occasione per approfondire la sua visione.

Intervista a Manfredi Perego

Abbiamo incontrato il coreografo e danzatore Manfredi Perego a margine del 30simo MilanOltre festival, dove ha portato il suo Horizon, una vibrazione-ricerca di un paesaggio immaginario: inesistente nella realtà, profondamente connesso e vero nella percezione dell’autore. È l’astrazione di una sensazione dello spazio che esiste solo nel desiderio, una poesia-vertigine celata. Il corpo ricerca lo spazio, è lo strumento creativo e definisce una nuova dimensione in cui essere.